Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie privacy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per poter navigare correttamente sul sito occorre accettare l’uso dei cookie.

francesco ballero

canta e cammina

Sulla tua Parola

domenica 10 febbraio 2019 – T.O. V sett.
Is 6,1-2.3-8 Sal 137 1Cor 15,1-11 Lc 5,1-1
Barca alla fonda - foto Francesco BalleroMi raggiungi sul finire della notte. È stata lunga, la notte, e dura. Non ha dato frutti. È stata colma di fallimenti e di delusioni, di peccato ed amarezza. Mi raggiungi sul finire della notte e mi dici. “Prendi il largo” Non ha senso, Maestro, ho faticato tutta la notte senza concludere nulla, non ho più le forze, non ho voglia. Non vedi i miei limiti? Ma come posso resisterti? mi rivolgi parole troppo gentili ed il tuo sguardo è tenero e compassionevole. Non sono puro e perfetto e sono deluso; ma il tuo sguardo mi commuove. Anche io, come Pietro, sono spinto da una qualche carica di passione e di impulsività, pur fra tutte le incertezze. Sulla tua parola... Eccomi, Signore, un uomo dalle labbra impure io sono. Eppure sto alla tua presenza, percepisco la mia distanza dal tuo abbraccio misericordioso e nello stesso tempo una estrema vicinanza. Sulla tua Parola sto facendo esperienza di una fecondità mai prima conosciuta. Eccomi, Signore, se vuoi, manda anche me.