Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie privacy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per poter navigare correttamente sul sito occorre accettare l’uso dei cookie.

francesco ballero

canta e cammina

Vittorie e sconfitte

lunedì 4 febbraio 2019 – T.O. IV sett.
Eb 11,32-40 Sal 30 Mc 5,1-20
Sai, Signore, la Parola che pronunci oggi, alquanto colorita, in realtà non è così stravagante come potrebbe suggerire una lettura frettolosa. Quante sono le persone indemoniate ed incatenate che ancora oggi si possono incontrare per la strada o di cui si viene a conoscenza leggendo giornali od ascoltando radio e televisione? Persone totalmente prive di umanità le puoi vedere in ogni strato sociale. Mi inquieta, Signore, questo mio stendere lo sguardo intorno. Aiutami a non soccombere nel prendere atto di questa terribile realtà. Mi sarà facile, se Tu non mi soccorri, essere preda dello sconforto nel constatare che ci sono persone incatenate sia dal di dentro, dalla Legione, sia dall’esterno, dai propri concittadini. Sono persone incapaci poi di riconoscere chi li incatena e chi li libera; sarà perché hanno avuto a che fare sempre con altri che li hanno legati.
Mi inquieta, e mi incanala anche verso una qualche forma di depressione, il sapere che per molti la liberazione di un uomo riveste meno importanza della salvaguardia dei beni materiali; non è forse vero che per la società dei consumi il capitale vale più della vita degli esseri umani? Ed a tal proposito, quanti uomini di potere sono in realtà degli indemoniati? Persone prive di umanità siedono spesso a capo di governi, affascinano interi popoli; questo avviene per gli stati, ma ahimè talvolta anche nella chiesa. Come difenderci Signore? Aiutaci sostenendo in noi la stessa forza disarmata che usi Tu quando riveli a ciascuno la sua vera identità e le forze del male fuggono se vengono smascherate. Ma soprattutto sostieni la nostra fede, sia quella che ha animato giudici e profeti che conquistarono regni, esercitarono la giustizia, ottennero ciò che era stato promesso, chiusero le fauci dei leoni, spensero la violenza del fuoco, sfuggirono alla lama della spada, trassero vigore dalla loro debolezza, divennero forti in guerra, respinsero invasioni di stranieri... sia quella di altri che furono torturati, subirono insulti e flagelli, catene e prigionia... D’altra parte, Signore Gesù, Tu hai compiuto miracoli e suscitato l'ammirazione delle folle per poi nella tua passione venire condannato, deriso, crocifisso, ucciso. La fede contiene le sue vittorie, ma Tu aiuta la nostra fede ad affrontare le sconfitte.