Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie privacy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per poter navigare correttamente sul sito occorre accettare l’uso dei cookie.

francesco ballero

canta e cammina

ancora un poco, un poco appena

venerdì 1 febbraio 2019 – T.O. III sett.
Eb 10,32-39 Sal 36 Mc 4,26-34
Signore, se cado sostieni la mia mano. Non vedi che giungo spesso vicino al punto di cedere? Non ritirare da me il tuo amore. Dopo queste ultime giornate vissute sul margine dell’ ansia e dello sconforto, riconducimi alla quiete, donami pacatezza, donami di agire, pregare, soffrire, lottare pacatamente, riponendo in Te ogni mia fiducia, perché davvero il seme della tua Parola germoglia lentamente. Rinsaldami nella fede, quella fede che produce pazienza, quella fede che nelle prove è perfetta letizia. Avere fede e pazienza, il resto lo compi Tu. A me il compito di essere perseverante, sicuro che ancora un poco, un poco appena Tu verrai e non tarderai. Proteggimi inoltre dai sensi di colpa, che mi sovrastano quando mi affido troppo ai miei sforzi, perché Tu mi dici che i semi di Vangelo che germogliano in me, crescono comunque anche se non sempre riesco ad essere presente a me stesso e a Te. Devo smettere, Signore, di giudicarmi impietosamente valutando io i risultati dei miei sforzi. Come è bello invece guardare comunque a Te con amore sentendomi a mia volta dolcemente amato.