Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie privacy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per poter navigare correttamente sul sito occorre accettare l’uso dei cookie.

francesco ballero

canta e cammina

Paura

mercoledì 9 gennaio 2019 – Tempo di Natale
1Gv 4,11-18 Sal 71 Mc 6,45-52
Signore, accetta, accogli e piega la mia paura. Talvolta la paura mi artiglia per via del vento insistente e codardo che ostenta i suoi fantasmi e tutto fa precipitare nell’incertezza. Ma è a Te che sto parlando o a un illusione della notte? A Te o a me stesso? o ai mei sogni? per scongiurare lo smarrimento e l’angoscia? Se sei Tu, allontana da me questo mare di solitudine, con i suoi pesi e le sue tristezze. Tu ti ritiri solo sul monte a pregare, per tutta la notte. Perché ci lasci soli in mezzo alla tempesta, a remare inutilmente? Senza di Te, non approdiamo da nessuna parte. All’improvviso ritorni, ma il cuore si è indurito nell’assenza; è bastato un po' di buio ed i fantasmi della nostra mente ora ci terrorizzano e paralizzano ancora di più. “Coraggio, sono io, non abbiate paura”. Signore, insegnaci l'umiltà che smaschera le contorsioni perverse della nostra mente, quelle che ci impediscono di riconoscerti e di accoglierti. Tu solo puoi scioglierci dall’incapacità di amare, senza resistenze. Nell’amore non c’è timore, al contrario l’amore perfetto scaccia il timore.