Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie privacy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per poter navigare correttamente sul sito occorre accettare l’uso dei cookie.

francesco ballero

canta e cammina

Fermarsi e ascoltare

mercoledì 10 aprile 2019 – V sett. di quaresima
Dn 3,14-20.46-50.91-92.95 Dn 3,52-56 Gv 8,31-42
Tu ci dici: “Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi”. Cosa è la verità? cosa è la libertà? O meglio: quale verità? quale libertà? Dove hanno la loro dimora? Di cosa stai parlando mio Signore? Per capire occorre scomodare Platone o Aristotele? Sant’Agostino o San Tommaso? Oppure hanno ragione gli averroisti quando sostengono che esiste una doppia verità? od ancora: la verità è ciò che è evidente e dimostrabile? Siamo mal messi, Signore, come posso dimostrare la tua resurrezione? Ecco, vedi come è facile venire fuorviati ed essere indotti alle più svariate speculazioni intorno alla tua Parola. Fosse così, Tu ti saresti rivolto solo a chi ha gli strumenti per addentrarsi nelle attività teoretiche proprie della matematica, della fisica e della filosofia. Ma Tu parli ai Figli di Abramo, fra i quali sono in cammino anche le persone ordinarie e dozzinali come me.
La tua verità alberga nel fermarsi e nell’ascoltare. Tu ci parli della verità su noi stessi, quella che ci induce a scavare nel fondo di noi stessi, a guardarci senza più timore, senza nasconderci le nostre miserie ed i nostri limiti e senza farli diventare dei macigni che ci schiacciano. Tu ci parli della verità su noi stessi illuminata dall’ascolto della Verità della tua Parola, quella che ci guida ad una penetrante autenticità. La Verità è l’uomo autentico, immagine di Dio stesso. L’uomo autentico sconfigge la paura, non ha più motivo di essere dominato dalla paura. Per questo la Verità rende liberi. Essere libero significa appartenere completamente a Dio, fare la sua volontà, poiché egli non ha altro desiderio che quello di restituirci alla nostra autenticità. Per ritornare alla nostra autenticità occorre avere fiducia nella tua Parola, occorre abbandonarsi a te. Occorre fermarsi ed ascoltare. E perseverare. Perseverare significa insistere con costanza, credere anche oltrepassando la logica umana, non curarsi delle convinzioni universali. Occorre dunque il coraggio di darti fiducia per rimanere sempre nella casa del Padre. “La verità vi farà liberi”. Ci scuote e ci scava questa tua Parola. Commuove e coinvolge.