Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie privacy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per poter navigare correttamente sul sito occorre accettare l’uso dei cookie.

francesco ballero

canta e cammina

Che Padre sto cercando?

lunedì 8 aprile 2019 – V sett. di quaresima
Dn 13,1-9.15-17.19-30.33-62 Sal 22 Gv 8,12-20
Dov’è tuo padre?
Padre, chi sei? Dove sei? Sono accese tutte le luci della festa, la grande e lunga festa del nostro esodo nel deserto; l’unico riposo è un tetto di frasche; la sola guida la tua nube luminosa. Mio Signore, sei nella nube? Quale Padre si nasconde nella nube? E’ una nube densa quella che ti nasconde ai miei occhi e la sua luce si trasforma spesso in tenebra. La nube non ti rivela, ti avvolge, ti rende distante. Nel mio vagare Tu scompari alla vista. Il dubbio si fa assillante, mi smarrisco, tremo nel mio nulla, non riesco più ad udire la tua voce. Ma che Padre sto cercando? Che immagine inseguo?
Nel crescere dell’incomprensione e della tensione ecco la tua voce, Signore Gesù: “Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita”. La tua testimonianza è vera, perché ogni volta che il dubbio e lo smarrimento mi avvolgono, ecco io guardo a Te, ascolto la tua Parola, mi confronto col Vangelo. La nube si dissolve ed il volto del Padre si svela. Solo Tu hai Parole di vita eterna. La tua Parola, i tuoi gesti, i tuoi sguardi sono luce che si diffonde a raggera. Come si potrebbe credere se non fossi Tu venuto fra di noi con testimonianza di vita vera? Il Padre stesso ti rende testimonianza. Conoscere te è conoscere il Padre. Sì, Signore Gesù, Tu sei la luce del mondo, l'unico che riesce a illuminare le nostre tenebre.