Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie privacy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per poter navigare correttamente sul sito occorre accettare l’uso dei cookie.

francesco ballero

Madonna di Vladimir
Maria santissima, regina della pace, creatura e icona di Dio, le labbra di molti sussurrano il tuo nome e implorano la tua intercessione, perché tutte le generazioni ti chiamano beata.

Maria, madre dei credenti, il tuo nome viene sussurrato, a volte gridato, dagli umili, fortunati e meno fortunati, dai miseri, dagli emarginati, dai naufraghi, dai soldati, dai malati, dai moribondi, da coloro che sono nella prova, dagli uomini di genio e dagli artisti... Come è dolce il tuo nome! Madre di Dio e madre del mistero.
Il tuo nome è benedizione per tutta l’umanità, perché tu ti sei lasciata ferire dall’amore, ti ha attraversata, senza che tu lo trattenessi per te. Sei stata benedetta e la tua benedizione si è riversata su uomini e donne di ogni luogo e di ogni tempo.

Non da solo

venerdì 7 dicembre – I settimana d’avvento
Is 26,1-6 Sal 117 Mt 7,21.24-27
Signore, io so che se Tu mi accompagni nel mio cammino di conversione, ciò che avviene nella mia vita potrà in qualche modo toccare anche il cuore di altri, che imploreranno e canteranno a Te uniti anche a me, che non da solo, ma con altri grido “Figlio di Davide, abbi pietà di noi!”.
Signore, pur nella mia quasi solitaria quotidianità, io Ti prego sempre unendo la mia voce a quella di tutti i poveri della terra, i miei occhi rivolti al loro dolore. Tu tutto fai avvenire secondo la nostra fede. E perdonami se anche io Ti disubbidisco e vado in giro a proclamare la tua gloria e a diffondere la notizia che gli umili possono rallegrarsi nel nome del Signore, così che i più poveri gioiscono nel Santo d’Israele, gli occhi dei ciechi vedono, liberati dall’oscurità delle tenebre.
Ma io ancora Ti imploro: tocca il cuore del tiranno e dell’arrogante, purifica il linguaggio e la parola di quanti tramano l’iniquità e di quanti colpevolizzano gli altri, sostieni i perseguitati per la giustizia e per il tuo nome.
Apprendendo la sapienza tutti santificheremo il tuo nome, santificheremo il Santo di Giacobbe e temeremo il Dio d’Israele.